Category: News

L’adozione di soluzioni Fintech nel mondo bancario: la partnership tra Banca Progetto e modefinance

placehold

Altro che competitor; le notizie più recenti parlano di un avvicinamento sempre maggiore tra le banche e i soggetti appartenenti al mondo Fintech, da sempre definiti come i principali sfidanti (challenger) degli operatori tradizionali. Nell’ottica di offrire al cliente un servizio sempre più efficiente e su misura, imprese Fintech e banche si scoprono sempre più compatibili e complementari.

Oltre a portare ad un ampliamento dell’offerta delle soluzioni di finanza alternativa, la collaborazione si rivela particolarmente proficua nell’ottimizzazione dei processi di valutazione interni. È in questo contesto che si inserisce la partnership strategica tra modefinance e Banca Progetto; due realtà differenti, ma con un denominatore comune nelle iniziative tecnologiche e di innovazione.

L’adozione della piattaforma di RaaS, Rating-as-a-Service, sviluppata da modefinance, consente a Banca Progetto di migliorare la gestione del rischio finanziario e di digitalizzare interamente i processi di valutazione del merito creditizio. Grazie all'applicazione di avanzate tecnologie di data science e Intelligenza Artificiale, la piattaforma rende accessibile il know-how delle agenzie di rating agli analisti di Banca Progetto, migliorando sensibilmente le capacità di pre-screening e di analisi del rischio.   

RaaS in Banca Progetto

L’integrazione della piattaforma di Rating-as-a-Service all’interno dei sistemi operativi di Banca Progetto ha portato al raggiungimento di un obiettivo ambizioso: l’automazione del processo di valutazione di PEF bancaria. 

Attraverso l’utilizzo di modelli di analisi automatizzati e una struttura modulare che ha consentito di ricreare un processo di valutazione suddiviso negli step canonici di pre-analisi, pre-istruttoria e istruttoria, è stato possibile tagliare fino al 95% le attività di routine con una sensibile ottimizzazione di tempo e costi.

Esclusi tempi burocratici, il processo di PEF può essere potenzialmente essere svolto in un tempo inferiore ai 5 minuti grazie a API dedicate per l’accesso ai dati (bilanci, albero societario, dati ipocatastali, Centrale Rischi, Mediocredito Centrale, ecc.). Il flusso di lavoro segue la struttura organizzativa interna; grazie ad un sistema ad autorizzazioni che consente di creare una struttura gerarchica di utenti, i vari uffici possono accedere a specifiche fasi del processo valutativo e/o collaborare su determinati step di analisi senza sovrapposizioni.

L’automazione del processo reso possibile dallapiattaforma di Rating-as-a-Service ha portato ad un significativo miglioramentoin termini di rapidità e accuratezza delle analisi. Ciò si traduce in unsignificativo decremento del tempo necessario per raggiungere la fase didelibera da parte dei Credit Analyst, con conseguente riduzione dei tempi di attesa per la clientela.

Condividi e consiglia questa pagina: